Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Tecniche’ Category

http://www.honeyflow.com/

 

In internet si trova di tutto….anche fantastiche invenzioni………guardate un pò cosa hanno inventato questi due signori australiani.

Il sito è tutto in inglese ma non ci vuole una laurea in lingue per capire dalle foto e dai video la potenzialità di questa invenzione.

Io non ho mai visto nulla del genere in Italia o sbaglio?

Questi due signori australiani hanno inventato dei telaini particolari con il rubinetto che si apre e si chiude.

Quindi non è necessario costruirsi un’arnia particolare basta sostituire i telaini alle arnie che già abbiamo. Il miele scivola da solo nel vasetto a noi non resta che chiuderlo.

L’argomento merita di essere approfondito . Mi immergo nella lettura del sito .

Buona Scoperta a tutti

mascia

Annunci

Read Full Post »

Questo è il riduttore inserito fra la warrè e il doppio melario …

Non potrei appoggiare il doppio melario sopra la Warrè senza il riduttore, infatti la  warrè è più piccola rispetto al doppio melario.

Il materiale che ho usato è legno espanso leggero….quello che avevo disponibile .

 Con il seghetto si crea un riquadro lasciando alle api lo spazio e la possibilità di passare agevolmente dal doppio melario alla Warrè .

      

Il risultato finale è questo, doppio melario azzurro con le api dentro, riduttore e arnia Warrè sotto. Dalla parte blu le api dovrebbero con calma …..temo molta calma ……trasferirsi nella parte color legno (Warrè)

Read Full Post »

I metodi potevano essere tanti ma ne abbiamo già parlato .

Io ho scelto il metodo che  sembrava meno cruento per le api e meno impegnativo per noi.

Quindi bando alle ciance  che le foto parlino per me……………………….

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una volta sigillate tutte le fessure con del nastro adesivo, abbiamo aspettato che le api trovassero la strada per entrare nell’arnia e infatti così è stato.

Usando la ghiandola di Nhassonof  e “disegnando” una vera e propria  freccia verso la porta d’ingresso le api che conoscevano la via giusta  hanno chiamato e avvisato le altre.


Read Full Post »

Ho iniziato dalla fine e adesso spiego i dettagli .

Il nido della Warrè viene costruito dalle api partendo da zero, l’apicoltore crea solo  degli “Invii”, piccole strisce di cera per convincere le api a costruire in verticale e proprio in quel posto li.

In rete ho trovato un pò di tutto ad esempio qui .

Io ho scelto il metodo più pratico e veloce per me.

Ho usato dei fogli cerei tradizionali quelli che si usano per i telaini mobili delle arni dadant.

Del foglio cereo ho utilizzato una piccola striscia   e con l’aiuto del fuoco di un accendino ho fuso leggeremente il bordo della striscia che è stato inserito nella fessura del telaino in legno…………capito?

poco bhe con le foto è tutto più chiaro

Questo slideshow richiede JavaScript.

può capitare che la striscia di cera si stacchi quando l’arnia è già posizionata, quindi durante il lavoro fate attenzione che la striscia di foglio cereo sia ben attaccato al legno e che  non sia troppo alta il peso potrebbe causare il distacco dal telaino .

Qui si sperimenta…………..speriamo in bene .!

Read Full Post »

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Siamo tornati a casa dalle vacanze e ci siamo messi subito al lavoro ….lavoro si fa per dire se una cosa ti piace non viene da chiamarla lavoro.

l’arnia warrè prima di diventare la casa delle mie api va protetta dalle intemperie, il legno va impregnato, si dice così mi pare.

Ho cercato su internet una ricetta per un impregnante fai da te che fosse meno tossico possibile, sulle confezioni di impregnanti così detti bio …….c’è un mini teschio !

Abbiamo deciso per una miscela di cera d’api (delle mie api) quantità un pugno (mio), olio cotto un  litro.  

In una padella vecchia ho sciolto la cera nell’olio……… (altro…)

Read Full Post »

Questo slideshow richiede JavaScript.

 
 Quasi  tutti gli apicoltori danno alle loro api, appena uscite dal periodo invernale, una soluzionie 1:1 di acqua e zucchero questa bomba stimolante si chiama nutrizione liquida,  la danno alle api principalmente per stimolare la deposizione e la crescita della famiglia e viene data anche ai nuclei un pò in difficoltà.

Per contenere questo liquido e farlo bere alle api si usa una cosa che si chiama nutritore, mi raccomando se usate il nutritore circolare posizionatelo correttamente sul foro del coprifavo altrimenti le api bevono il liquido seguendo un percorso diverso e muoiono annegate.

Vi faccio vedere come costruire un nutritore fatto in casa, qui le api non possono annegare ma occhio alle gocce! Con il saccarosio arrivano anche le formiche, tranquilli sono amiche.

Read Full Post »

queste foto NON sono delle mie regine

Se avete deciso di eliminare le vostre celle reali per cercare di evitare le sciamature di maggio e giugno (il nome di questa pratica è scellamento)state attenti a non schiacciare tutte le celle in modo indiscriminato.

Le api  allevano regine per tre probabili ragioni, probabili perchè qui nessuno ha la verità in tasca.

-in preparazione della sciamatura (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »